Combat Center Bologna ASD - WEKAF Italia


L’Italia entrò a fare parte della W.E.K.A.F. nei primi anni 90 tramite l’A.K.E.A. che fu la prima Associazione a diffondere sul territorio nazionale le arti marziali filippine. Nonostante il grande entusiasmo dell’epoca per una disciplina nuova e per la qualità dei combattenti italiani, l’A.K.E.A. si trovò a fare i conti con la realtà di uno sport sconosciuto al grande pubblico e ignorato dai media di informazione. In un modo o nell’altro però si è sempre riusciti a presentare una squadra ufficiale ad eventi internazionali come Campionati Europei e Mondiali.


Questo ha fatto aumentare il prestigio dell’Italia fino ad arrivare a organizzare a Terracina i Campionati Europei nel 2007 che rappresentarono il punto di svolta grazie al quale l’Italia iniziò ad acquisire maggiore considerazione tra le alte sfere dell’organizzazione e a conquistare medaglie nelle manifestazioni targate W.E.K.A.F. Nel 2010, al ritorno dai Campionati Mondiali in Messico, fu decisa una riorganizzazione della W.E.K.A.F. Italia con la designazione di un nuovo Direttore e di un nuovo coach per la Squadra Nazionale. Tali novità portarono subito a un risultato clamoroso nei successivi Campionati Europei in Polonia 2011, nei quali la Nazionale Italiana vinse per la prima volta nella sua storia sia la gara a squadre maschile che quella femminile, oltre ad altre 8 medaglie d'oro, 1 d'argento e 6 di bronzo nelle gare individuali. Un risultato storico che proiettò l’Italia in una dimensione diversa nel mondo. Quando tutto pareva andare per il meglio però, la Direzione Tecnica A.K.E.A. prese una decisione politica che spiazzò tutti, cioè lasciare la W.E.K.A.F. ed entrare in una nuova Associazione appena formatasi in America. Così dopo tanti anni e i primi risultati importanti si decideva di cambiare strada per ricominciare da zero, ma non tutti accettarono passivamente questa decisione e nel 2013 il Maestro Moreno Martelli, già coach della Nazionale dal 2011 agli Europei in Polonia, contattò il quartier generale W.E.K.A.F. a Cebu City nelle Filippine chiedendo che gli venisse affidato il ruolo di Director per l’Italia. La richiesta venne accettata e comunicata con l’attestato ufficiale inviato dal Grandmaster Dionisio Canete. A quel punto bisognava riorganizzare tutto coinvolgendo le scuole di Kali-Arnis-Escrima presenti in Italia che fossero interessate al Full Contact Stickfighting sportivo per ricostruire un Team Nazionale che potesse superare le rivalità interne nel Paese. Nel 2014 la nuova Nazionale Italiana W.E.K.A.F. venne presentata ai Campionati Mondiali in Ungheria e questo segnò il ritorno dell’Italia nella Federazione Sportiva di arti filippine più grande e importante del mondo. Lavoro, impegno e dedizione hanno portato nel tempo quella che a molti pareva una Nazionale fatta in casa a vincere 9 medaglie d'oro, 5 d'argento e 2 di bronzo individuali più la prestigiosa gara maschile a squadre ai Campionati Europei 2015 in Romania, ma raggiunge il picco più alto ai Mondiali 2016 a Cebu City, a casa della fortissima squadra filippina, con 3 medaglie d'oro, 3 d'argento, 5 di bronzo e l’ottavo posto in classifica generale. Nel luglio 2017 la Squadra ha partecipato ai Campionati Europei a Londra in Inghilterra dove con 18 medaglie d’oro, 7 d’argento e 6 di bronzo, si è laureata per la prima volta nella sua storia Campione d’Europa. Questi risultati consacrano la Nazionale Italiana di Full Contact Stickfighting W.E.K.A.F. come una nuova e importante realtà nel mondo delle arti marziali sportive del nostro Paese ma questo comporterà ancora maggiore impegno e sacrifici per rimanere a questi alti livelli. La responsabilità di portare i colori azzurri e il tricolore dell’Italia nel mondo è enorme e bisogna onorarla come si deve. Chi combatterà contro gli atleti italiani sa di affrontare avversari duri, preparati e difficili da battere, ma leali e con grandi principi etici e morali. Questa è la via che la W.E.K.A.F. ITALIA intende seguire nel suo futuro.











Torna all'inizio



© 2011 - 2018 a cura del Combat Center Bologna ASD