Il Jeet Kune Do di Bruce Lee


Creato dal famosissimo attore cinese di film d’azione Bruce Lee, straordinario praticante di arti marziali ed esperto conoscitore di stili di combattimento orientali e occidentali, il Jeet Kune Do costituisce un sistema di Difesa Personale dove nulla viene lasciato al caso. Ogni situazione, ogni possibilità di attacco e di difesa, ogni tipologia di avversario possa capitare di dover affrontare in uno scontro reale, viene esaminata e valutata fin nei minimi dettagli nel corso degli allenamenti in palestra, per non farsi mai cogliere di sorpresa. Ogni tecnica applicabile ed efficace viene studiata e allenata con cura, dai calci ai pugni, dalle ginocchiate alle gomitate, dalle tecniche di trapping alle leve articolari, dalle varie tipologie di proiezioni al suolo alle immobilizzazioni. Questa completezza rende il praticante di Jeet Kune Do unico, in un panorama di Arti Marziali tradizionali che si stanno sempre più indirizzando verso il solo aspetto agonistico e sportivo, dove la medaglia o il trofeo costituiscono spesso l’unico obiettivo del lavoro svolto in palestra. Il Jeet Kune Do mantiene inalterato lo spirito originario, cioè prepararsi a uno scontro reale, in strada, senza regole nè arbitri, dove non conta vincere, ma solo sopravvivere! L’impiego di protezioni speciali per braccia, mani, tibie, ginocchia, e testa consente di portare la maggior parte dei colpi sul bersaglio reale alla giusta distanza senza correre il rischio di farsi male, mentre utilizzando gli appositi colpitori è possibile esercitarsi a tirare con la massima potenza disponibile sia le tecniche di braccia che quelle di gambe. Nella fase di combattimento prestabilito o libero, l’allievo può lavorare sugli schemi di difesa e contrattacco che costituiscono una parte essenziale della vera Difesa Personale. Il Jeet Kune Do non è vincolato ad un bagaglio tecnico tradizionale, pur conservando le tecniche principali che ne hanno caratterizzato la nascita, ma è una disciplina in continua evoluzione perchè anche l’uomo, le sue strategie e il suo modo di combattere, sono in continua evoluzione: Bruce Lee è morto ma il suo Jeet Kune Do continuerà a vivere.